perché


Arte performativa - musica - letteratura

Per l'arte.
Per cercarla, tra le nuvole, i pensieri...
Per contaminarsi
Per le Parole Erranti , gli inizi e la palpabilità dei sogni.

Per la bellezza che tutto trasforma e tutto accoglie.


Ogni tanto mi fermo a pensare al senso di questo percorso, cosa unisce i puntini della ricerca che spazia, da ambito ad ambito, sul sentiero di una curiosità mai appagata.
A volte mi sembra tutto chiaro fino al punto in cui, di nuovo, tutto si confonde.
Lascio fluire in quello che c'è, in quel presente tra le mani che spinge, di nuovo, a camminare.

Dove vanno a finire le parole, una volta che sono state dette? Quale può essere la risonanza di un quadro, il colore di una musica? 
Mi piace pensare che i racconti possano essere detti, letti, per far incontrare quei piccoli granelli sparsi che siamo noi.
Per un pezzo di strada assieme, magari danzando, cantando, che è più divertente.
Parole Erranti è un pezzo di questa storia. Di racconti , immagini, incontri, pronunciati sul calore delle favole di un tempo.

Per il resto ho tutto il tempo...

[Camminando sulla terra che mi tiene]